Mantero

Grandate (CO), Italia

info                                  +

stato: costruito, 2020

dimensione:  1200 mq

tipologia: uffici

crediti

Team:

Andrea Ludovico Borri (project leader)
Silvia Mazzella 
D2u
Giorgio Freddi
Jacopo Della Fontana
Corrado Caruso
Davide Colombo

Direzione Lavori:

Andrea Borri Architetti
D2u

 

Impresa Di Costruzioni:

Noto G. S.r.l

Impianti: Tekser S.r.l

 

Strutture: Ing. Mario Dotti

Impianti Speciali:

Sicuritalia Ivri S.p.a. 

 

Illuminazione: HI LITE next

 

Arredo: Cardex

 

Foto: Lorenzo Gaioni

 

Lo studio Andrea Borri Architetti torna a collaborare con il gruppo Mantero, storico marchio comasco specializzato nella lavorazione della seta di altissimo profilo. Dopo il lavoro di riqualificazione industriale effettuato in precedenza, questa volta il punto di partenza sono gli spazi dismessi dell’ultimo corpo di una vecchia stamperia, recuperata e convertita nei nuovi uffici headquarter per Mantero spa. Il progetto è stato condotto in partnership con lo studio D2U di Milano.

 

contesto

L’edificio si trova nell’area industriale di Grandate (Como). Edificato nei primi anni ‘60, si tratta di un capannone prefabbricato con grandi potenzialità, in particolar modo la facciata frontale: un continuo di 82 metri di lunghezza da ripensare interamente.

 

struttura

La facciata misura 82 metri lineari di lunghezza per una superficie totale 1200 metri quadri al suo interno. In altezza si sviluppa su un piano unico, variabile tra i 3.5 e i 5 metri.

Gli spazi creati per la sezione direzionale sono stati pensati come degli open space, mentre quelli dirigenziali sono stati suddivisi in 4 stanze individuali. Ci sono poi nove sale riunione, dai 6 ai 22 posti a sedere ciascuna, oltre ad un’area break e i servizi.

Nel complesso predomina un senso di pulizia e leggerezza, con luce il più possibile naturale. La palette colori è sui bianchi e i neri, risaltati con toni caldi, asciutti ma accoglienti.

 

attività

Essendo un luogo di lavoro, infatti, dove concentrarsi senza distrazioni, lo studio ha lavorato su un’estetica pulita ma accogliente. I materiali e gli arredi rispecchiano questa esigenza. Sotto il punto di vista tecnologico si è lavorato molto sulla qualità delle luci e sull’abbattimento acustico.

interni

Gli interni sono stati realizzati in collaborazione con Hi Lite per l’illuminazione e Cardex per gli arredi, optando per prodotti e collezioni firmate Unifor, Vitra, Molteni e Tecno.

 

esterni

Nell’area esterna, inoltre, sono state ricavate due grandi logge per creare un’area di svago all’aperto ma al tempo stesso coperta, per poter essere utilizzata in ogni stagione.

 

layout

Il principale intervento del progetto consiste nell’apertura di tutta la facciata per creare una grande vetrata continua con delle logge, così da illuminare tutto l’interno con luce naturale ottimizzando il dispendio energetico.

Per separare gli spazi ma mantenere i volumi si è creato un effetto di “box in the box” nelle diverse stanze di lavoro, per conservare l’ampiezza degli ambienti nel loro complessivo ma preservare il bisogno di privacy e concentrazione.

 

tecnicità

Caratteristica peculiare è la complessità degli impianti meccanici e termici, che sono stati realizzati con la tecnologia delle isole radianti a bassa temperatura e a sospensione, a loro volta collegati a pompe di calore.

Per una maggiore efficienza energetica l’edificio è stato massimamente isolato, e successivamente si è iniziato a lavorare sulle divisioni degli spazi interni.

logo01_aba_Tavola disegno 1 copia 10_Tav